Highlights

Eventi

RESPIRE
Il 21 settembre 2017, presso l’Aula Lucchesi del Dipartimento di Scienze della Terra, Università “la Sapienza” di Roma, si terrà l’evento di apertura del progetto LIFE-RESPIRE a cui parteciperanno il responsabile del progetto e i rappresentati degli istituti di ricerca e delle autorità territoriali coinvolti.

LogoSf 8 cm 1

CentroMS logo150

IndoItalian

logocherplan 1200

logo CommEU

logo urbisit per web

Progetto Cherplan

logocherplan 1200

Programma: Cooperazione Territoriale– Sud-Est Europa

 

Titolo progetto: Valorizzazione del patrimonio culturale con l’ausilio della pianificazione e gestione ambientale

Acronimo: CHERPLAN

 

Durata: 2011-2013

Budget totale: €2.362.120 

 

Sito Web: http://www.cherplan.eu/

 

Sommario:

 I siti patrimonio culturale sia rurali che urbani spesso si trovano di fronte al dilemma tra perdita dei valori culturali da un lato, e quindi della propria identità, a causa dello sviluppo non sostenibile, e declino economico ed emigrazione dall’altro, conseguenza delle infrastrutture inadeguate e dell’alto costo della vita (con speciale riguardo alla manutenzione degli edifici). CHERPLAN si prefigge di fornire delle solide fondamenta per assicurare compatibilità e sinergia tra conservazione del patrimonio culturale e sviluppo socioeconomico, promuovendo l’adozione in tutta l’Europa del Sudest di un approccio moderno basato sulla Pianificazione Ambientale. Obbiettivo della PA è lo sviluppo sostenibile, da perseguire integrando nella tradizionale pianificazione urbanistico-territoriale gli aspetti legati alle discipline ambientali; nell’applicazione – innovativa – ai siti patrimonio culturale, la prospettiva inclusiva della PA si articola nella presa in conto di tre sfere: l’ambiente storico ed edificato, l’ambiente socioeconomico e culturale, l’ambiente biofisico. I disastri "naturali" (in realtà spesso indotti dall’uomo) sono solo uno dei fattori da considerare: i siti patrimonio culturale sono particolarmente vulnerabili sotto questo aspetto, in quanto che rari, di pregio e non rinnovabili. Un Partenariato multilivelli e multisettoriale sarà in grado di assicurare l’effettivo conseguimento di questi obbiettivi. Al fine di promuovere un’efficace gestione partecipata dei siti, verranno costituite altrettante Consulte di Gestione, che opereranno nel quadro dei previsti Progetti Pilota riguardanti 7 siti selezionati, uno per paese partecipante: l’organizzazione di workshop e di sessioni di training culminerà nella redazione di Piani d’Azione, di Business Plan, oltre che di Piani di Gestione Ambientale. Sono previste, come conseguenza dell’approccio adottato, una riduzione dei conflitti (il patrimonio culturale viene spesso ancora percepito come un ostacolo allo sviluppo), la creazione di posti di lavoro stabili (in quanto che collegati ad asset tipicamente durevoli quali i siti patrimonio culturale) e l’inclusione nel processo partecipativo delle minoranze con i loro background culturali. Infine, sarà predisposto un Modello di PA, strumento strategico per assicurare trasferibilità permanente ai risultati ottenuti, affiancato da un Memorandum d’intesa che verrà firmato dai 4 Ministri della Cultura partecipanti.

 

Persona  di contatto in IGAG: massimiliano.moscatelli@igag.cnr.it

 

 

Partenariato:

  • Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
  • Consiglio Nazionale delle Ricerche – Istituto di Geologia Ambientale e Geoingegneria (CNR/IGAG)
  • Università per le Risorse Naturali e le Bioscienze - Istituto di Ingegneria Sanitaria e Controllo dell’Inquinamento Idrico (BOKU-SIG, Austria)
  • Comune di Hallstatt (Austria)
  • Regione della Grecia Occidentale (Grecia)
  • Istituto per la Ricerca Accademica sulla Computer Technology (RA-CTI, Grecia)
  • Centro di Ricerca Scientifica dell’Accademia Slovena delle Scienze ed Arti (ZRC-SAZU, Slovenia)
  • Comune di Idrija (Slovenia)
  • Ministero della Cultura (Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia)
  • Ministero della Cultura (Montenegro)
  • Ministero della Cultura, Turismo, Gioventù e Sport (Albania)

Osservatori:

UNESCO BRESCE

Ministero Federale dell’Istruzione, Arti e Cultura (Austria)

Twitter

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.

Area riservata

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.